mercoledì, 11 20 Dicembre19
Home » Africa e Medio Oriente » Oman: cosa vedere a Nizwa, tra montagne, storia, bellezza e silenzi
nizwa forte oman

Oman: cosa vedere a Nizwa, tra montagne, storia, bellezza e silenzi

L’Oman è una terra senza tempo, dove la storia si diverte a mostrare continui salti tra presente e passato. Ti ritrovi così ad osservare fortezze che si innalzano fiere nel deserto di fronte a secolari montagne, angoli infiniti di deserto e tratti di mare la cui spuma brilla come un diamante sotto il sole acceso, in un mix infinito di suggestioni.

Se è vero che bisognerebbe tornare diverse volte per viverlo completamente, è altrettanto sicuro che ci sono luoghi imperdibili già dal primo stop in questo magico Paese dalla bellezza millenaria. Nizwa, costituisce a tal proposito, una delle principali attrattive turistiche omanite, lungo la rotta delle spezie, e raggiungibile facilmente da Muscat in circa due ore. In generale, oltre all’antica capitale, vale la pena di restare un po’ di più per apprezzare l’intera regione, con i suoi forti (Nizwa, Bahla e Jabrin), fino alle montagne (percorribili in fuoristrada) da Al Hamra fino a Rustaq e Batinah Plain.

Nizwa, dal souq al forte

nizwa-oman

Nizwa è una vera e propria oasi color sabbia, adagiata al centro di una pianura circondata da un territorio verdeggiante e da alcune delle vette più alte dell’Oman. Rappresenta una naturale porta di accesso per la visita a Jebel Akhdar e la montagna delle rose (dove questi splendidi fiori vengono coltivati, raccolti e diventano ottimi prodotti di bellezza o la ben nota acqua). Tuttavia, è una destinazione che fino a mezzo secolo fa sarebbe stato difficile visitare, mentre oggi è la seconda meta più ricercata e nel 2013 è stata proclamata “Capitale della Cultura Islamica”.

nizwa-city

Il cuore pulsante in grado di catalizzare l’attenzione di qualunque viaggiatore, è il suo forte aperto dal sabato al giovedì e fatto erigere nel XVII secolo da Sultan bin Saif al Yaruba. Fu completato in dodici anni ed è noto soprattutto per la sua torre a pianta circolare alta 40 metri. Passeggiare lungo le sue mura, superare scalini e ampie terrazze è un’esperienza meravigliosa e non è raro incontrare qualche donna del posto pronta a offrire uno dei suoi prodotti artigianali all’interno di qualche stanza del forte meno calda.

nizwa-fort

Dalle borsette alle sciarpe, tutto è coloratissimo e super decorato e regala l’idea dei gusti e delle tradizioni di coloro che sono profondamente legati al passato della zona. In ogni caso, vale sempre la pena di giungere fino in cima per ammirare le piantagioni di datteri a perdita d’occhio sotto l’abbraccio dei Monti Hajar.

abbigliamento tipico oman

Tra le bancarelle del mercato

souq nizwa-oman

Il souq merita un discorso a parte, perché quello di Nizwa non è solo molto particolare, ma è anche uno dei più antichi. Gli orari per visitarlo vanno dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 20 dal sabato al giovedì, mentre il venerdì l’apertura va dalle 17 alle 20. Questo grande mercato è dedicato principalmente a piccoli stand che propongono frutta, verdura, carne e pesce. Sono ospitati dentro nuovi edifici dietro le gigantesche mura merlate che si affacciano sui wadi (letti di torrenti che formano dei canyon). Intorno si può sentire chiaramente l’odore di tori e capre, perché il venerdì dalle 7 alle 9 questo spazio si trasforma nel suk del bestiame e, di sicuro, merita un’occhiata. La zona più vicina al forte, invece, è dedicata all’artigianato soprattutto per i turisti di passaggio in città e impegnandosi a cercar di far scendere il prezzo con i negozianti, qui si possono portare a casa interessanti oggetti di argento o di antiquariato.

khanjar oman

A Nizwa si trovano soprattutto i khanjar, i famosi pugnali tipici con lavorazioni pregevoli, ma attenzione che non siano di fattura pakistana o indiana.

Come arrivare in Oman e con chi organizzare un tour super completo

Partendo dall’Italia si può arrivare con  la compagnia aerea nazionale Oman Air, che opera quotidianamente da Milano Malpensa a Muscat con due voli. La sua business class vanta un layout innovativo è paragonabile a molte cabine di prima classe e come l’economy, garantisce un ottimo rapporto qualità-prezzo. Per organizzare degli itinerari personalizzati che comprendano Nizwa ma anche il deserto e le principali città, ci si può rivolgere a Zahara Tours  che offre diversi servizi e ha una lunga esperienza nel settore. Per altre info sull’Oman, il sito di riferimento è:  https://experienceoman.om/.

About Francesca Spanò

Giornalista, Autrice Televisiva e Travel Writer. Ha iniziato scrivendo per il giornale L'Ora, la Sicilia, il Giornale di Sicilia per poi approdare a Sky, dove si è dedicata principalmente alla ideazione, scrittura e realizzazione di documentari di viaggio. Nel mondo del web è arrivata nel 2009. Da allora è stata blog manager di goolliver.com, mondoviaggiblog.com, viaggifantastici.com. Collabora con il Messaggero Viaggi, Expedia, Travelglobe, Neos Air-Alpitour, Elle, Confidenze e Starbene. Per National Geographic (White Star), è stata tra le autrici del libro "Viaggi nella natura Straordinaria - 53 destinazioni che toccano l'anima" raccontando di Thailandia, Messico e Colombia.

Leggi anche

Dubai la mer locali

Dubai 2019, cosa vedere e cosa fare nei nuovi quartieri alla moda

5 / 5 ( 4 votes ) Dubai è un paradiso delle meraviglie costruito tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *