giovedì, 18 ottobre 2018
Home » Italia » Van Gogh Alive a Roma: l’arte come esperienza multimediale

Van Gogh Alive a Roma: l’arte come esperienza multimediale

Van Gogh Alive a Roma: l’arte come esperienza multimediale
5 2 votes

È approdata a Roma a Palazzo degli Esami la mostra Van Gogh Alive – the Experience, un allestimento multimediale che coinvolge il visitatore in un’esperienza multisensoriale e immersiva nell’opera d’arte.


Dopo una riproduzione fedele, con pareti e mobili, della camera del pittore ad Arles, si entra nel vivo della mostra: tremila immagini che riproducono ottocento quadri e disegni realizzati da Vincent Van Gogh nel decennio 1880-1890. I colori e le linee si rincorrono tra le pareti, le colonne, i soffitti e i pavimenti delle due grandi sale in cui è ambientata l’esposizione, acquistano consistenza emotiva grazie al connubio con la musica e con i pensieri dell’artista, espressi nelle lettere al fratello Théo e in altri scritti.


Come il colore sta al dipinto, l’entusiasmo sta alla vita.

Van Gogh Alive rievoca i mutamenti nell’opera di Van Gogh in un periodo cruciale nella vita dell’artista: le videoproiezioni in HD, realizzate con la tecnologia Sensory4TM, illustrano perfettamente la svolta nell’uso del colore, della luce, che Vincent Van Gogh sperimentò grazie al periodo parigino e al confronto con gli impressionisti. Dai colori cupi del periodo olandese, soprattutto grazie all’incontro con Gauguin, che sarà per lui maestro e amico, Van Gogh passa a un’esplosione di giallo, di luce, di colore puro, che sembra preannunciare la svolta che sarà di fauves ed espressionisti: “Il pittore del futuro userà il colore in una maniera che non ha precedenti.”

“Possiedo la natura, l’arte e la poesia e se questo non è sufficiente, cosa potrebbe esserlo?”

La natura diventa protagonista assoluta dei quadri di Van Gogh, dalla notte stellata ai girasoli, dal campo di grano con i corvi. Il paesaggio, così come la natura morta, diventa poesia, e in Van Gogh Alive a tratti prende letteralmente vita, grazie a piccoli dettagli che si animano: petali di fiori che cadono, stelle che brillano, corvi che prendono il volo.  E se la videoproiezione, nel suo scorrere, illustra anche il periodo più difficile nella vita dell’artista, quello dell’internamento nel manicomio di St.Rémy, che prelude in qualche modo alla sua tragica fine, la musica che incalza, tra Vivaldi e Chopin, Léo Delibes, Eric Satie e Camille de Saint-Saëns, contribuisce ad accompagnare e addirittura ricreare i differenti stati d’animo, a dare colore alle emozioni.

Van Gogh Alive – The Experience è un allestimento Grande Exhibitions, organizzato da Ninetynine con il patrocinio del MIBACT e dell’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma. Si può visitare tutti i giorni fino al 26 marzo 2017 presso il Palazzo degli Esami in Via Gerolamo Induno 4 a Roma.

About Valeria Castrucci

Autrice e regista di programmi televisivi di viaggi, cultura, intrattenimento; documentarista, blogger, appassionata di visual storytelling e marketing digitale. Ha collaborato con i canali Marcopolo, Alice, Leonardo, attualmente con la produzione Light History e alcune agenzie di comunicazione.

Leggi anche

palazzo montemartini roma

Palazzo Montemartini a Roma: il lusso che sposa la storia

Palazzo Montemartini a Roma: il lusso che sposa la storia5 2 votes La storia si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.